Marito aveva capito tutto.


Domenica io e la nana abbiamo volato da Milano fin in terra salentina, dove trascorreremo le prossime settimane di vacanza (nome di circostanza, in quanto per il momento, di ciò che io chiamo V.A.C.A.N.Z.A. neanche l’ombra).

Marito ci raggiungerà i primi di agosto (marito è furbo, ha preferito restare a lavorare). Fino a quel momento, la nana me la ciuccio da sola.

Ci sono anche i miei eh, ma ultimamente caterpillar è diventata una cozza mammona, il che non è cosa buona. E comunque in questi primi giorni, i miei saranno in altre faccende affaccendati.

Ieri prima giornata di mare io e la nana DA SOLE.
Mi ero portata un libro ahahahahahahahahahahahah. Ah.
Per inciso – La lezione, di Saul Black. L’ho comprato da un mese e non sono ancora riuscita a leggere nemmeno la prefazione.

Si. Io sono una che ci tiene parecchio alle prefazioni.

Comunque ieri è andata più o meno così. 

Mi sono svegliata alle 6.30 (sono ancora tarata su Milano) e, approfittando della nana dormiens, mi sono data un paio di passate di smalto sui piedi. Sottolineo, alle 6.30. 

Alle 6.45 circa, ho ben pensato di pulire il terrazzo. Perché? Non lo so. E ho imparato la prima lezione della giornata: mai passare la scopa su un terrazzo che non viene pulito da un anno, con lo smalto non ancora perfettamente asciugato sui piedi. Non è il caso.

Intorno alle 7.30, la nana ha deciso che la sua giornata poteva iniziare. 

Madre ha cambiato primo pannolino nanesco e ha servito la colazione a letto: un 200 ml di lattino rigorosamente tiepido (che caldo ci fa sudare assai) con un paio di biscottini plasmon ben sciolti. Nana ha gradito.

Dopodiché, una rapida rassegna dei canali naneschi. Nana infastidita dall’assenza in programmazione di Masha & Orso, ha poi optato per Ben & Holly come alternativa accettabile.

Ore 8.00: nana ha iniziato a manifestare insofferenza per una casa sprovvista di comfort naneschi. Dov’è il mio tappetone? Dove sono i miei settordicimila giochini? Dov’è il mio girello? Dov’è il mio seggiolone confortevole? 

 Lo sconcerto e il disappunto si sono palesati sul volto nanesco.

Per prevenire lagna assassina, madre ha deciso di andare, finalmente, in spiaggia.

Madre si è infilata una cosa a caso (ma ha vestito la nana di tutto punto) e dopo aver caricato l’equivalente di un monolocale sul bufalo (aka passeggino), si è diretta in spiaggia, carica come un mulo oltre che di aspettative.
Spiaggia, dove avrà trascorso circa 20 minuti.

No, scherzo. Sarà stata almeno un’ora. 45 minuti e non ne parliamo più.

Il tempo è stato breve ma intenso.

In 45 minuti di fuoco, madre ha appreso quanto segue.

    1. La nana gradisce la sabbia in bocca.

    2. La nana non gradisce la sabbia negli occhi.

    3. La nana apprezza l’acqua del mare, solo fino alle ginocchia.

    4. Se l’acqua supera le ginocchia nanesche sono cazzi. Amari.

    5. Tre asciugamani non sono sufficienti per una sola nana.

    6. La nana ama leccare la paletta. Meglio se ricoperta di sabbia.

    7. La nana ama socializzare con altri nani, possibilmente femmine e con costumini fiorellosi.

    8. La nana si diverte a lanciare il ciuccio nella sabbia e a osservare madre che lo cerca. 

    9. Madre ha riconsiderato il concetto di avere la sabbia fin nelle mutande.

    10. Madre non vedeva la spiaggia alle 8.30 di mattina da quando aveva più o meno 12 anni.

    11. Alle 8.30 del mattino la spiaggia è popolata da tante madri coraggio. Cioè madri che dopo il primo nano, hanno avuto il coraggio di farne un secondo, e a volte anche un terzo. Il quarto è da camicia di forza.

    12. Madre non ha l’età.

    13. Madre avrebbe dovuto riprodursi almeno 10 anni prima.

Advertisements

16 thoughts on “Marito aveva capito tutto.

  1. Eh.
    Furbo il marito che resta a lavorare.
    Mica come te povera martire che porti la figlia in spiaggia…
    (per inciso n. 1 nessuno te lo ha chiesto di infilarti una cosa a caso visto che per vestirsi decentemente per andare in spiaggia non servono otto ore e la consulenza di Enzo Miccio ma bastano sette minuti circa, per inciso n. 2 la nana si comporta esattamente come una qualunque nana quindi non vedo il motivo delle lamentazioni, comunque nel caso, quando eccede, due schiaffi potrebbero contribuire all’educazione del singolo e al miglioramento della specie tutta, per inciso n. 3 fai più bella figura a goderti serenamente le vacanze con tua figlia e a non farle passare per i lavori forzati).

    • L’ironia questa sconosciuta! Nel caso non ti sia chiaro, trattasi di un post volutamente canzonatorio, che aveva come finalità semplicemente farsi due risate! Due schiaffi dovresti darteli tu per ripigliarti…buona vita cara!

      • Credimi cara, normalmente comprendo perfettamente l’ironia, ma in questo caso proprio non colgo.
        Non colgo il trauma (per quanto scherzoso) di una madre che deve addirittura passare qualche settimana al mare con la figlia.
        Ad esempio, nel post si dice che hai lavorato fino al nono mese, ecco avrei goduto dell’ironia del racconto dei giorni a lavoro con il mega pancione, e avrei solidarizzato.
        Avrebbe avuto senso, in quanto effettivamente eri in una situazione difficile e l’ironia nel raccontarla sarebbe stata gradevole.
        In questo caso no.
        È solo uno schiaffo alle mamme che stanno lavorando anziché stare al mare.
        E comunque questa è soltanto la mia opinione, mentre la tua risposta è largamente eccessiva e maleducata.
        Auguro anche a te buona vita, ma senza consigliarti di darti due schiaffi – renditi conto di quello che hai scritto!!

      • Credimi tu, se hai letto questo nel mio post, io e te non abbiamo proprio nulla da dirci.
        Ribadisco la risposta che ti ho dato, compreso il riferimento agli schiaffi (che dovresti darti tu, non che ti darei io) per avermi suggerito di alzare le mani su una bambina di otto mesi. Ed evita di tirare in ballo le mamme lavoratrici, perché appartengo alla categoria. Ho fatto si e no 5 mesi di maternità (nei quali ho cmq lavorato, visto che sono una libera professionista) per poter portare mia figlia al mare durante l’estate quindi sei inopportuna su tutta la linea.
        Ah magari adesso mi tirerai fuori che alcune mamme non possono farsi nemmeno 5 mesi di maternità. Ricordati che c’è sempre chi sta peggio, tipo chi un lavoro nemmeno ce l’ha. Ma non per questo non si può ironizzare sulle situazioni.
        Concludendo, se non hai colto l’ilarità nelle mie parole (ma solo lamentazioni, come dici tu) il problema è solo tuo visto che sia su Instagram che su facebook la gente si è semplicemente fatta due risate.
        E comunque io di traumi non ho parlato.
        Prova a prenderti meno sul serio, e fatti due risate ogni tanto.

      • Io devo essere una brutta persona ed anche tutto il mio ufficio (principalmente di donne!) visto che alla lettura del tuo post e delle imprese della nana abbiamo riso a crepapelle!!!!
        Viva la libertà di raccontare con il sorriso le cose nuove, quelle che ci disorientano, anche se sono bellissime!
        Viva le donne che sanno sorridere e ironizzare!

      • Ohhh grazie! L’intento era quello 😊 non mi vergogno di dire che la prima giornata di mare è stata bella ma molto stancante…devo sicuramente prenderci la mano 😁😘 un bacio zia ❤️

    • Silvia forse tu non hai figli, per questo non hai colto l’ironia del post….detto questo, io sono una madre che lavora e a) non mi sento insultata dal post, anzi b) le vacanze con i bimbi piccoli sono dure e non ci vedo nulla di male a dirlo, c) due schiaffi????? ma sei seria??? Hai riletto quello che hai scritto prima di pubblicarlo????? poi non lamentarti se Vanessa ti ha risposto così…..d) fatte na risata fija mia che la vita già è dura, se la pigli così ciao proprio….

  2. Che forte questo post… mi hai fatto ridere!
    Che si tratti di un post ironico mi sembra palese, i commenti di Silvia sono una vera tristezza. Le “vacanze” (concetto completamente da rivedere dopo l’arrivo di un bimbo) sono certamente bellissime, divertenti, ma anche stancanti e tragicomiche, ed è piacevole leggere qualcuno che lo racconta con ironia. Certo è peggio lavorare, machepalle sentire bisogno di specificarlo sotto ad un post del genere… Mah! Buone vacanze Vanessa!
    Silvia (anzi Sissiuken per distinguermi……)

  3. Muajauahauuauauauauau e che mi aspetta…. condivido sull’ ultimo punto cioè madre avrebbe dovuto riprodursi dieci anni prima, me lo ripeto ogni giorno nell’osservare le mie evolutissime doti fisiche da 36enne!!!!! Stong acciaccat.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...